Per un corretto utilizzo del Forum prendere visione del REGOLAMENTO
>>> TORNA ALLA HOMEPAGE DI TURISMO ITINERANTE


Indietro   Forum TI > OPINIONI, SONDAGGI E CHAT > Camper che passione!
Forum FAQ Elenco utenti Calendario Segna tutti i forum come visitati

Camper che passione! La vita in camper

Rispondi
 
Strumenti Modalità di visualizzazione
  #1  
Vecchio 28/08/2006, 16.18
orsetto avatar
orsetto orsetto is offline
Utente Newbie
 
Data registrazione: 13/02/2006
Luogo: Monza
Messaggi: 22
Predefinito Vita in camper: ma è vera libertà...

Ciao a tutti.
So già che con questa riflessione semi-seria corro il rischio di scatenare il fastidio di alcuni e magari qualche risposta un po' acida, ma ci provo lo stesso: non per amore di polemica, al contrario piuttosto per un confonto che possa smontare la mia tesi o per scoprire se qualcuno la pensa come me.
Sono arrivato alla scelta del camper dopo il percorso più tradizionale partito dalla tenda canadese, passato dalla roulotte e approdato con entusiasmo al motorizzato.
Sono reduce da un viaggio in Loira, Bretagna e Normandia (un grande classico già fatto più volte in passato) dove abbiamo trovato tempo molto variabile e molto freddo.
Tutto questo per dirvi che non mi ritengo un "neofita" attratto dalla moda del camper, e sono stato in un paese (la Francia) dove il turismo itinerante è molto, dico molto facilitato dalla quantità e qualità delle strutture di accoglienza sia aree sosta che campeggi.
Per farvi capire meglio il mio ragionamento vi racconto una giornata tipo di queste ultime vacanze, una qualunque, nella media.
Dunque mi sveglio al mattino abbastanza presto a causa di un camperista tedesco che ha deciso di scaldare un po il motore del suo Hymer prima di partire visto che ha fatto freddo durante la notte: ha piovuto per gran parte della notte ed in camper sapete bene che anche se vengono giù due gocce sembra che diluvi perchè il tetto amplifica molto il rumore ed io che ho il sonno abbastanza leggero ho dormito poco e male.

Sono parcheggiato in un piazzale ampio e con tanto di camper service, ma quando sono arrivato la sera precedente al buio e non con poca difficoltà, era già praticamente pieno e quindi mi sono dovuto accontentare di un posto non perfettamente in piano e vista l'ora non ho voglia di scendere a mettere i cunei per livellarmi.
Il piazzale è sterrato e vi lascio immaginare la condizione al mattino; devo scendere con il cane per le sue deiezioni ed al ritorno grande sforzo per evitare di portare in camper terra e fango. Altro numero per cercare di fare asciugare il K-way zuppo (è vero la pioggia è una sfiga non prevedebile e quindi transeat).
Mi rado e mi lavo in un bagno uno proprio piccolo, ma nonostante ciò con qualche buon numero di contorsionismo.
Piacevole momento della colazione.


SEGUE....
Replica con citazione
  #2  
Vecchio 28/08/2006, 16.31
orsetto avatar
orsetto orsetto is offline
Utente Newbie
 
Data registrazione: 13/02/2006
Luogo: Monza
Messaggi: 22
Predefinito Vita in camper: ma è vera libertà...

continuazione...

Mi preparo a partire ma prima devo svuotare serbatoi e biologica e fare il pieno dell'acqua. Ha smesso di piovere (bene) ma alla colonnina ho davanti altri 4 mezzi che devono svolgere le mie stesse operazioni; tempo di attesa 30 minuti. Io stesso faccio attendere altri 4 mezzi in coda dopo di me un tempo imbarazzante per riempire i miei due serbatoi.


Finalmente si riparte. Destinazione la costa del Granto rosa a Tregestel; visto che non piove più e sembra schiarire ci vien voglia di prendere un caffè seduti ad un tavolino.
Tutti i parcheggi hanno le sbarre, dunque dobbiamo lasciare il camper un po fuori: 500 mt ad andare 500 mt a tornare.
Per carità sono un buon camminatore...ma per un caffè... comunque transeat.


Arrivo alla sito e naturalmente è impossibile parcheggiare il mezzo nelle vicinanze; la visita vale però il compromesso di un parcheggio moooolllltttooo lontano... bello ...però...


Si riparte cerchiamo un posto per mangiare: sulla costa ci sono alcune brasserie carine ma l'idea di essere costretti ad un parcheggio molto distante ci convince ad un frugale pasto in camper. Vorremmo riposare un momento, ma la nostra scaletta di marcia ci impone di muoverci per la meta successiva ( non vuoi mica fare lo stanziale!!!).


Un po di km con grande gioia della mia ernia lombare latente che mi domanda perchè mai debba farla soffrire tanto quando tutto l'anno mi sciroppo 1 ora e 15 di traffico per andare e altrettanti per tornare dall'ufficio... mah!


Arrivo finalmente a destinazione; seguo le indicazioni per l'area camper e scopro che è abbastanza lontana dal paese e dalle cose che interessa vedere. Che fare? Le bici!!! Bene giù dal portabici ed i sella... dopo 5 minuti ricomincia a piovere... ormai siamo in ballo... il seguito ve lo risparmio. Saremmo rimasti a cena in paese ma bagnati cosi...


Cena in camper, fa freddo e tutti sono rintanati nei propri mezzi... non resta che una partitina carte ed il serale passeggio col cane sotto con il K-way ancora bagnato perche non asciuga nulla, tanto meno le salviette per lavarsi...


Bilancio finale: tutto molto affascinante ma.... faticosetto...


Forse in alcuni casi ho un po' drammatizzato e certamente il tempo non ci è stato amico, anche se per contro anni addietro al posto della pioggia un gran sole rendeva altrettanto difficile la vita su un mezzo che in definitiva è una scatola di latta su quattro ruote...


Che mi sta succedendo? Sono improvvisamente impazzito oppure dopo un intenso anno di lavoro fatto di km percorsi in macchina, traffico, pasti consumati frugalmente al bar sotto l'ufficio, poco tempo avanzato per il relax e gli impegni quotidiani, magari le aspettative sono differenti...


Con gli anni si diventa un po' più insofferenti oppure questi pensieri sono stati sempre latenti ma respinti da una inconsapevole (o consapevole) perseveranza?


Mi sento un po mosca bianca. ma sono veramente il solo a pensarla così? Guardatevi dentro sinceramente...


Conclusione: continuerò a pianificare le mia vacanze in camper con l'entusiasmo iniziale di sempre con la speranza di miglior fortuna... però...


Che ne pensate?
Ciao Orsetto
Replica con citazione
  #3  
Vecchio 28/08/2006, 17.38
appo appo is offline
Utente Senior
 
Data registrazione: 05/12/2005
Messaggi: 234
Predefinito Re: Vita in camper: ma è vera libertà...

Ciao Orsetto.
Non ho molto tempo per risponderti quindi sarò coinciso. Purtroppo talvolta è come l'hai descritta tu e se non capita a te direttamente, vedi sempre qualcuno e commenti. "Ma chi glielo fa fare". La domanda che ti devi fare è:
"Se fossi stato in albergo sarebbe stato molto meglio?". Ci sarebbero stati, come in ogni cosa, lati positivi e lati negativi.
La tendenza a zero dei lati negativi e al 100% di quelli positivi dipende da tanti fattori:
- sicuramente le caratteristiche del mezzo e la sua attinenza alle proprie esigenze (disposizione, stivaggio, impianti etc..)
- i soldi spesi: questo per me è un punto cruciale: secondo me anche in camper più paghi meglio stai (regola non generale ma spesso valida).
- predisposizione ai piccoli sacrifici: intendo lo scarico della cassetta a me va in fronte e non ci trovo nessun lato positivo, il carico dell'acqua e lo scarico delle grigie, invece, mi danno una sensazione di rinnovamento che mi fa bene allo spirito.
Spero di averti risposto almeno in parte. Buona fortuna.
Replica con citazione
  #4  
Vecchio 28/08/2006, 17.40
Pierfranco avatar
Pierfranco Pierfranco is offline
Utente Senior
 
Data registrazione: 07/04/2005
Messaggi: 2.122
Predefinito Re: Vita in camper: ma è vera libertà...

La “vita” in camper è ottima ad una condizione : che fuori si ci sia il sole !

Le brutte giornate, piovose, uggiose, malaticce, novembrine hanno anche l’effetto non secondario, sicuramente primario di incidere drasticamente sul nostro umore !

Se quella giornata, quelle giornate, non avessero avuto la pioggia come contorno primario, la passeggiata con il cane, il giro in bicicletta anche se l’area di sosta non è vicina avrebbero avuto sul tuo sistema “nevralgico” un effetto diametralmente opposto.

Gli “accidenti” per le sbarre sarebbero rimasti, ma i 500 metri a piedi con il sole, sarebbero diventati un toccasana per le articolazioni che devono starsene tranquille mentre si guida !

I colori stessi della natura che ci circonda con il sole ci danno la carica, con le nuvole e la pioggia ci ammosciano e ci rattristano….. e la voglia di andare avanti si fa più fievole…..
Magari si pensa al calduccio di un fuoco, un buon libro da leggere, ma a casa nostra con gli spazi dei nostri ambienti, e non quei pochi centimetri quadrati del camper che in queste occasioni si fanno ancora più piccoli .


Questo viaggio ti è andato così, comincia a prepare il prossimo e pensa positivo
__________________
Saluti Pierfranco
Replica con citazione
  #5  
Vecchio 28/08/2006, 18.00
ibrusca ibrusca is offline
Utente
 
Data registrazione: 17/04/2005
Luogo: Bagheria
Messaggi: 41
Predefinito Re: Vita in camper: ma è vera libertà...

Penso che se non avessi il camper non avrei scoperto un paesino-gioello in Baviera a nome Blaubeurer, sconosciuto a i più e fuori da qualunque rotta turistica. Penso che sarei stato costretto a fermarmi a Madonna di Campiglio con un freddo boia e la nebbia che avvolgeva tutte le catene montuose, come è successo ad un mio conoscente che aveva programmato un giro in Trentino in albergo e non è riuscito ad effettuare in due settimane nessuna escursione. Penso che mi sarei perso la colazione con vista laghetto ed antico borgo di S. Stefano di Sessanio sul Gran Sasso a 1250 metri di quota.
Scusa se è poco
Ciao Ignazio
__________________
Ignazio Brusca
Replica con citazione
  #6  
Vecchio 28/08/2006, 18.09
bbr1 avatar
bbr1 bbr1 is offline
Utente Senior
 
Data registrazione: 04/04/2006
Luogo: Ferrara
Messaggi: 101
Predefinito Re: Vita in camper: ma è vera libertà...

ciao Orsetto,
Che dire, l' opinione mia è che hai scelto un viaggio non adatto a te ! Il tempo non ti ha aiutato a toglierti di dosso le fatiche lavorative, anzi mi sembra di capire che ha aumentato lo Stess da lavoro o forse......... lo hai portato in ferie con te.
Se vuoi la mia personale opinione ti posso dire che vedo ancora il camper come una libertà : scelta di itinerario, tempo di viaggio, luoghi da visitare, imprevisti ultimo momento , scelta di sostare o andarmene senza perdita di caparra e tanto altro ancora. Nota che due giorni prima della partenza delle ferie con la mia famiglia, a mia moglie è stato detto senza tanti complimenti che doveva rinunciare alle ferie. Immagina se avevo versato una caparra, un posto in aereo ecc.. --- Il viaggio con mio figlio ( noi non abbiamo rinunciato alle ferie ) è stato del tutto riposante, si viaggiava a ns. piacimento, ci si fermava dove volevamo, uso delle biciclette senza fretta, pasti caldi cucinati da me nel mio camper, e tanto altro ancora. Il viaggio lo abbiamo stabilito un giorno prima di partire, visto la rinuncia di mia moglie, ma comunque è stato fatto in tutta libertà e tranquilità in Valle D' Aosta. Km totali percorsi 1300 in 18 giorni. Per concludere, non è che stai confondendo la LIBERTA' con la Pigrizia ?
Ciao bruno
Replica con citazione
  #7  
Vecchio 28/08/2006, 19.08
Francesco Parini Francesco Parini is offline
Utente Senior
 
Data registrazione: 23/04/2005
Messaggi: 186
Predefinito Re: Vita in camper: ma è vera libertà...

x Orsetto. Dunque .. per me il dilemma prima delle ferie è sempre lo stesso ormai da anni: albergo a 7 stelle dove il personale mi da del Voi e stermina sistematicamente i bambini che urlano alla sera ..... oppure partire in camper e mettermi in gioco ogni ora, ogni minuto, ogni secondo della giornata ?

Ormai da anni scelgo la seconda ipotesi, parto in camper e mi stramaledico da solo per i primi giorni di vacanza. Ringrazio il Signore per non aver preso il porto darmi per sparare nel generatore del camper vicino. Prego perchè i due vecchietti che alla sera chiaccherano sotto la mia mansarda vengano colti da ictus. Sogno un mondo di sordomuti.

Vedo tanti camper , troppi. Fossi solo io con il camper nessuno avrebbe speso i soldi per mettere le sbarre anticamper.

Poi c'è la pioggia. Ti rompe in camper , questo si, ma se sei in albergo alle prime gocce di piogge incominci a sentire il fruscio dei biglietti da 100 euro che escono inutilmente dal tuo portafoglio.

La gente c'e' con i loro camper dove c'è qualche cosa di bello da vedere. A Locate Triulzi posso parcheggiare dove e quando voglio..sempre. Sono un po come gli avvoltoi.. si raggruppano dove conviene.

Il momento più bello è quando torno a casa, lo lavo , tolgo le incrostazioni di sabbia/terra/argilla e lo parcheggio. Anche quest'anno è finita. Forse pero' in albergo sarebbe stato peggio.
Replica con citazione
  #8  
Vecchio 28/08/2006, 19.14
valhalla avatar
valhalla valhalla is offline
Utente
 
Data registrazione: 24/10/2005
Luogo: roma
Messaggi: 93
Predefinito Re: Vita in camper: ma è vera libertà...

Che bello il mio bicchiere mezzo pieno!!!!!!!!
Quest'estate ho percorso circa 8500 km per ri-visitare le repubbliche baltiche e le loro capitali.
Devo dire che ben più della metà delle strade sull'isola di Saarema erano addirittura asfaltate.
Il campeggio cittadino di Parnu era abitato da un paio di tende sotto la pioggia e uno strano ceffo che usciva dal bagno sistemandosi la patta e per questo siamo stati costretti a raggiungere un altro campeggio segnalato vicino ad un bosco.....ma lo abbiamo trovato chiuso, pensa che......fortuna, abbiamo dormito fuori dal cancello e non abbiamo speso una lira!!!!!!
Mi entrava in blocco il boiler, poi ho scoperto che un bel getto d'aria compressa è stato sufficiente a rimuovere la polvere e tutto è tornato a posto.
Hai visitato dei posti bellissimi nei quali non sono ancora stato ma mi riprometto di farlo presto, solo non hai beccato il periodo migliore.....sarà per un'altra volta.
Migliori km
ValhallaMarco
Replica con citazione
  #9  
Vecchio 29/08/2006, 09.45
Jana S. avatar
Jana S. Jana S. is offline
Utente Senior
 
Data registrazione: 07/04/2005
Luogo: emilia
Messaggi: 3.164
Predefinito Re: Vita in camper: ma è vera libertà...

Brutte giornate di pioggia, quelle ugiose?
Ma vaaaai! Se fossi a casa, comunque troverei sempre qualcosa di urgente da fare, da sistemare, mi sentirei in colpa oziare e dedicarmi ai miei hobby. In camper, se fuori piove, mi permetto passare un pomeriggio intero a leggere un libro, sono riuscita persino finire un ricamo che aspettava da una quindicina di anni ad essere finito, addirittura mi capita addormentarmi ascoltando la musica... Mi posso fare con calma manicure senza rovinare subito lo smalto con i lavoracci casalinghi, mettermi 4 maschere di bellezza in fila (lo so che sono sprecate, ma vuoi mettere la sensazione di benessere?) e andare a letto magari alle 20.00 per leggere poi fino a mezzanotte! Con la differenza, che a farlo in albergo costa qualche centinaio di euro al gg, farlo in camper è gratis!
Replica con citazione
  #10  
Vecchio 29/08/2006, 09.53
gesa avatar
gesa gesa is offline
Utente Senior
 
Data registrazione: 28/10/2005
Luogo: Torino
Messaggi: 600
Predefinito Re: Vita in camper: ma è vera libertà...

Tutto dipende con quale spirito parti, se non è quello giusto (e mi sembra strano in quanto si parte per le vacanze), o ti porti dietro qualche remora del lavoro, allora effettivamente anche il semplice scaricare la cassetta del wc può diventare pesante, quoto tutti quelli che ti hanno già risposto e, come hai già detto che non hai comprato il camper solo per una moda, penso che il tuo ragionamento sia dovuto al fatto che non hai passato delle grandi vacanze e sei tornato a casa insoddisfatto, coraggio, personalmente al solo pensiero di studiare il prossimo viaggio mi mette addoso una nuova carica, e chi se ne frega se devo aspettare altri due o tre prima di me per fare gli scarichi, ciao.

Gerardo
Replica con citazione
Rispondi


Utenti attualmente attivi in questa discussione: 1 (0 utenti e 1 ospiti)
 
Strumenti
Modalità di visualizzazione

Regole messaggi
Puoi non creare nuove discussioni
Puoi non rispondere ai messaggi
Puoi non inviare allegati
Puoi non modificare i tuoi messaggi

Codice vB è attivato
Emoticons sono attivato
Codice [IMG] è attivato
Codice HTML è disattivato

Discussioni simili
Discussione Autore Forum Risposte Ultimo messaggio
Vita da camper Roberta Chat 14 05/11/2007 09.44
Film "Vita da Camper" appo Sondaggi 8 14/07/2006 19.30


Tutte le ore sono GMT +2. L'ora corrente è 02.09.


vBulletin Versione 3.6.7
Copyright ©2000 - 2014, Jelsoft Enterprises Ltd. Turismo Iinerante srl


E' vietata la riproduzione, anche solo parziale, di contenuti e grafica. © 2007-2008 by Turismo Itinerante srl - P.IVA 02236440422
Turismo Itinerante è testata giornalistica registrata presso il tribunale di Ancona, n. 18 del 30/12/2002 - Info