->Tecnica
ISTRUZIONI PER L'USO
RIPRENDERE I TRAMONTI
tratto dalla newsletter Look del 27/05/2004

E' innegabile: da un punto di vista fotografico i tramonti costituiscono uno dei soggetti più affascinanti, e le foto dei nostri lettori sono lì a testimoniarlo. Le luci sono morbide e seducenti e le silhouette che si vengono a creare incredibilmente eleganti. Del resto lo abbiamo sempre detto: le ore migliori per riprendere sono le prime della giornata, e le ultime.
Fotografare in queste condizioni però richiede tempi di esposizione lunghi, perché la luce non è molta. E' necessario quindi procurarsi un cavalletto ed un flessibile, per evitare di far muovere la macchina durante il tempo di apertura dell'otturatore. Ciò consentirà di tenere il diaframma più chiuso, perfezionando il risultato.
Per ottenere effetti migliori, è consigliabile anche effettuare un sopralluogo prima della ripresa vera e propria. Questo ci permetterà di scorgere eventuali elementi che si stagliano in controluce, da valorizzare poi al momento dello scatto.
Dal punto di vista dell'ottica, gli obiettivi migliori sono quelli lunghi, che restituiscono un disco solare più grande. Quando inquadriamo, evitiamo grandi aree troppo scure, perché risulterebbero - in stampa - nere e senza dettagli, cosa che non vale per soggetti in controluce, in grado invece di "potenziare" drammaticamente l'immagine. Disinseriamo i dispositivi di regolazione automatica dell'esposimetro, che tendono a smorzare i contrasti, livellando tutto, e facciamo comunque attenzione a dove misurare l'esposizione. Puntiamo la fotocamera non direttamente sul sole, ma spostiamoci di circa 45°.
Così facendo riusciremo ad avere colori più intensi. Infine, teniamo presente che, in un tramonto, è difficile "centrare" l'esposizione al primo colpo: ricordiamoci allora di utilizzare il procedimento del "bracketing".

     


E' vietata la riproduzione, anche solo parziale, di contenuti e grafica. © 2005 by Turismo Itinerante srl - P.IVA 02236440422
Turismo Itinerante è testata giornalistica registrata presso il tribunale di Ancona, n. 18 del 30/12/2002 - SiteMap