Beats By Dre Black Friday North Face Jackets Black Friday Beats By Dre Cyber Monday Lululemon Black Friday Michael Kors Cyber Monday Michael Kors Cyber Monday Michael Kors Black Friday

I 6 itinerari per camminare fra i laghi

Al mare è diverso. Anche lì c’è il contrasto fra la dimensione verticale della montagna e quella orizzontale dell’acqua, ma quella è un’acqua immensa, infinita, che quasi sgomenta.

Il lago invece è sempre un mondo piccolo, un cerchio chiuso d’orizzonte. Chi cammina in alto lo vede meglio degli altri: oltre quell’acqua raccolta c’è un’altra sponda. Sono ancora monti, boschi, paesi, strade e sentieri, non l’ignoto.

Una poesia di Hermann Hesse (guarda caso, pure lui appassionato camminatore) coglie alla perfezione questo sentimento:

“Anche il paese,
piccolo e leggermente
acclive, porgeva al lago
l’armonico incanto
di un suo scorcio: ampi
gradini di pietra per
fare da approdo e da
lavatoio ai piedi dei
quali erano ormeggiate
alcune barche, una casa
coperta di vegetazione,
una tranquilla piazzetta
in pietra chiara con
dietro la facciata
e il campanile di una
chiesa. Era un quadro
di così armoniosa
perfezione che,
all’ultimo momento,
non osai turbare la
grazia. Rimasi al mio
posto e lasciai che quel
piccolo gioiello mi
passasse davanti e si
allontanasse divenendo
sempre più piccolo,feci
un cenno di saluto
riconoscente,
congedandomi con
discrezione.”

Sono versi probabilmente dedicati al Lago di Lugano, dove l’intellettuale tedesco trascorse gli ultimi anni della sua vita, ospite nel paesino ticinese di Montagnola. Sulle sponde di ciascuno dei grandi laghi prealpini non mancano, però, luoghi presso i quali si possa ritrovare questa “Armoniosa perfezione” (così si intitola la poesia).

Le escursioni che vi stiamo per suggerire potete vederle anche così: come un’avventurosa ricerca sulle orme della perfetta incarnazione della bellezza lacustre.

Il Lago d’Orta

Orta San Giulio, lago d'Orta

Orta San Giulio, lago d’Orta (Ph Cesare Re)

Cominciamo il viaggio dal Lago d’Orta, il più occidentale fra i laghi prealpini, originato dal fronte meridionale del ghiacciaio del Sempione e separato dal vicino Lago Maggiore dai rilievi del monte Mottarone.

Il litorale del Lago D’Orta presenta dintorni pittoreschi, mentre sulle sue acque sorge l’isoletta di San Giulio con la basilica omonima del IV secolo, ricostruita nei secoli IX e XI. Non c’è miglior modo per gustare questo incanto della natura che accompagnarlo con un contorno di meraviglia artistica, camminando fra le cappelle affrescate lungo L’Anello del Sacro Monte di Orta.

 

Sulle rive del Verbano

Raggiungibile con i battelli della Navigazione, l'Isola Bella mostra al visitatore un minuscolo borgo antico e, sulla sinistra, la facciata dell'imponente Palazzo Borromeo.

Raggiungibile con i battelli della Navigazione, l’Isola Bella mostra al visitatore un minuscolo borgo antico e, sulla sinistra, la facciata dell’imponente Palazzo Borromeo (Ph Enrico Bottino)

Poche decine di chilometri più a est e approdiamo sulla sponda occidentale del Verbano. Qui si può camminare (o pedalare) lungo le strade che costeggiano la riva, inanellando i centri dei borghi rivieraschi in un lungo itinerario, anzi, in un vero e proprio trekking da percorrere in tre tappe, da Arona al golfo che accoglie le Isole Borromee.

 

Il Lario e il Sentiero del Viandante

Ci si addentra nella terra Lecchese, seguendo i passi di chi ha costruito questa terra

Panorama sul Lario lungo il Sentiero del Viandante

Lungo le scoscese dorsali dei monti che precipitano nelle acque della sponda lecchese del Lario ci incamminiamo sull’antico tracciato del Sentiero del Viandante, splendido itinerario che nei secoli è stato una fondamentale via di collegamento fra la Valtellina e Lecco e che oggi si può percorrere come un trekking di più giorni, oppure a tappe singole, approfittando per i rientri delle stazioni della linea ferroviaria Milano–Sondrio–Tirano.

Il percorso fa tappa in alcune delle più note località del territorio, come il paese di Varenna e consente di scoprire angoli meravigliosi e sconosciuti ai più, come il piccolo borgo di pescatori di Corenno Plinio. Tutto questo lo si può fare camminando sul Sentiero del Viandante!

 

Il Lago d’Iseo e la valle dell’Oglio

La sponda bergamasca del Sebino

La sponda bergamasca del Sebino (Ph Andrea Bertinotti – Own work, CC BY-SA 3.0,)

Nonostante le dimensioni ridotte il Lago d’Iseo non ha nulla da invidiare in quanto a fascino agli altri laghi prealpini. È proprio per la sua naturale vocazione alla bellezza che questo specchio d’acqua incastonato fra le province di Bergamo e Brescia è stato scelto dall’artista Jeanne-Claude Christo per la sua incredibile installazione: in ponte galleggiante che collegava la costa con il magnifico “scoglio” di Montisola.

Con il nostro itinerario vi portiamo sulla sponda meridionale del Lago d’Iseo, a Sarnico, per un’escursione da effettuare a piedi e con il treno turistico, lungo la valle dell’Oglio.

Limone: una perla del Garda Bresciano

veduta del borgo di limone del garda

Il borgo di Limone del Garda, stretto fra la montagna e le acque del lago (Ph. Howwi – Own work – CC BY-SA 3.0)

In questo nostro peregrinare non poteva certo mancare l’appuntamento con il Garda, il più grande per estensione fra i laghi prealpiniL’itinerario che proponiamo muove i primi passi dalle darsene di Limone, una delle più belle “perle lacustri” della riva lombarda del Benaco e subito guadagna quota, risalendo le alture che conducono alla baita di Bonaventura Segala, regalando panorami indimenticabili e incontri con le testimonianze dell’antica presenza dell’uomo, come le calchére, oggetto di appositi progetti di valorizzazione culturale e turistica da parte del Parco dell’Alto Garda Bresciano. Scopriamo insieme l’itinerario delleCalchére del Lago di Garda

I laghi dei papi

Terrazza panoramica sul Lago di Nemi

Terrazza panoramica sul Lago di Nemi (Ph Aldo Frezza)

L’ultima tappa sui sentieri lacustri ci porta lontano dalle grandi montagne, per arrivare fin nel cuore d’Italia. I panorami dei colli romani sono ben diversi da quelli alpini, così come diversa è l’origine dei laghi: gli uni nati dal ghiaccio che un tempo copriva larga parte delle regioni del nord, gli altri nati dal fuoco, di cui hanno preso il posto, riempiendo le caldere di antichi vulcani.

Identico è però il loro fascino, che nel Lazio si carica anche di storia e di arte, come testimonia il nostro appassionante cammino fra il lago di Nemi e quello di Albano, che ci porta fino al cospetto dei palazzi e dei monumenti di Castel Gandolfo.

Comments are closed.