Argomenti   Nuovi messaggi   Ultimo giorno   Ultima settimana   Cerca   Vista ad albero   Per iniziare Problemi?   Profilo Utente   Contatta Moderatori   Program Credits

Associazioni e Club

Forum di Turismo Itinerante: Associazioni e Club


  Discussione Messaggi   Aggiornamento
Archivio per data  20   03 mar 2003
Archivio per data  20   09 mag 2003
Archivio per data  20   14 mag 2003
Archivio per data  20   22 set 2003
Archivio per data  30   01 dic 2004
Archivio per data  30   26 gen 2005

   By frank caps on martedì 01 feb 2005 - 01:08: Edit

Io direi: "Bravo Toto" e speriamo che anche tutti gli altri amici di questo forum facciano altrettanto con il senatore del proprio seggio (a tal proposito ci vorrebbe qualcuno che postasse qui l'elenco dei senatori per seggio!).

Coraggio,

Francesco Capaccioni

   By Luigi e Marzia on lunedì 31 gen 2005 - 12:20: Edit

Grazie Toto, è proprio vero che chi trova un amico trova un tesoro!!!.
Forza allora e diamoci da fare.
Luigi

   By toto on lunedì 31 gen 2005 - 11:36: Edit

Luigiiii, mi meraviglio di te! Prova a mandare un email al tuo senatore: depaoli_e@posta.senato.it
Spiegandogli l'importanza del DDL e dicendo che sei un suo elettore,naturalmente falla inviare anche dai tuoi amici e conoscenti della zona.
Ciao .... incrociamo le dita!
toto

   By Luigi e Marzia on lunedì 31 gen 2005 - 10:22: Edit

Da buon talebano sono disposto a tutto pur di vedere a compimento questo passo importante per tutti noi camperisti, ma, c'è sempre un ma.... non conosco nessun politico, anche a bassissimo livello, a cui pungolare il didietro per farci sentire impazienti. Cosa posso fare???????
Luigi

   By frank caps on sabato 29 gen 2005 - 16:54: Edit

Sì, l'amico Perriera dice bene. Come lui anche il gruppo CamperistiITA era presente (e nel suo piccolo ha dato il suo contributo: la traduzione in italiano del "Libro Bianco" francese!) e siamo rimasti veramente sorpresi di vedere cotanta cordialità e convergenza su molti argomenti. Per la prima volta si sono viste le più rappresentative organizzazioni coalizzate su questi temi (Confedercampeggio - ACTItalia - As.Naz.Coord.Camperisti - Unione Club Amici), ma anche il Camper Club "La Granda" era presente per fare gli auguri a tutti per il buon esito di questo progetto di legge (anche se mi sarei personalmente aspettato un pizzico di coinvolgimento in più). C'erano gli organi di stampa (tra cui "Turismo all'Aria Aperta" e "Caravan&Camper"), così come le rappresentanze delle altre componenti di questo settore (ANFIA e ASSOCAMP). Mi auguro che anche quest'ultimi si faranno parte in causa approfittando di questo tred positivo, per migliorare l'informazione della propria clientela con opuscoli e libretti per il corretto uso degli impianti di bordo, come lo sfruttamento e l'economizzazione delle risorse idriche e le corrette manovre per carico e scarico dei serbatoi, oltre ad una aggiornata guida alle aree attrezzate, camper-services, presidi ecologici in genere, agricampeggi e tutte le opportune strutture ed infrastrutture in cui poter trovare supporto per tali manovre nonchè per le soste ed il pernottamento.
Voglio credere che la maggiorparte degli inconvenienti spiacevoli che si registrano troppo spesso, anche da testimonianze dirette di molti amici camperisti, siano dovute principalmente ad una cattiva informazione o ad una disinformazione.

Con affetto,
francesco Capaccioni
Movimento di Opinione
Gruppo: CamperistiITA

   By Morelli Antonio Crescenzo on giovedì 27 gen 2005 - 15:02: Edit

In Turit Magazine c'è il resoconto del convegno, come promesso. Leggetelo per favore. Sono a disposizione per commenti.


Bye.

   By Ivan Perriera on giovedì 27 gen 2005 - 12:18: Edit

Salve cari amici del Forum,
il grande interesse per la proposta di Legge Fabris è tale che ci manda in fibrillazione.
Da quello che abbiamo visto a Roma le prospettive sono più che rosee (Senatori della minoranza e della maggioranza, sono stati relatori per uno stesso progetto, ed in un momento in cui, i ns. politici, sembra che vogliano trovare tutte le occasioni per litigare).
Ma i tempi di realizzazioni delle Leggi sono quelli di sempre. Credo di poter dire che sarebbe già un successo se l'iter riuscisse a mantenere i tempi (sia pure biblici) normali d'approvazione di una Legge.
Quello che è certo è che la sala del Convegno era piena di tutti ns. referenti (Stampa, Organizzazioni Nazionali, e locali, ANFIA, ASSOCAMP, PROMOCAMP - la cui condivisione è stata ufficializzata al Senatore da me stesso), e già questo, almeno per me, è da considerare un successo.
Non so neppure se la proposta andrà avanti ma un grosso successo è già il fatto che se ne parli in Senato e, mi auguro, alla Camera.
E' bene che anche noi continuiamo a stare "sul pezzo" per evitare che la proposta vaghi, come un fantasma, nelle sale dei nostri parlamentari.
Lo stesso Fabris ha chiesto alle ns. associazioni nazionali, che da poco hanno deciso di collaborare, di fare Lobby positiva e da parte nostra ce la metteremo tutta affinchè si riesca a raggiungere un obiettivo così importante.
Non ci resta altro che sperare ed aspettare che il Miracolo si realizzi, restando pronti ad intervenire con una solida spinta non appena richiesta.
E' il momento di sfruttare le amicizie parlamentari che ognuno di noi può avere.
Ivan Perriera

   By Gennaro Capuano & Figlio on mercoledì 26 gen 2005 - 20:01: Edit

Io dicessi di aspettare un momento che il Signor Direttore Enzo Novellis appubblica nella backeka l'intervendo del nostro amico Morelli che, da comme mi a stato arriferito, ieri era pure presente alla tavola arrotondata. O no? Eppoi vi arregolate. Signor Direttore vi a mandato il pezzo che vi ha hannunziato Morelli qui sotto, o no? E noi stiamo aspettanto....

Una cosa che io ho capito è che hanno fatto finalmente il CoRaC Comitato di Rappresentanza Camperisti o CoRUC (Comitato Rappresentanza Unitaria Camperisti, mamma mia comme l'ho scritto bbene) che io ci scrissi questa cosa il 11 o il 10 di ottombre del 2003, non ve lo arricordate nella "Circolare ministeriale divieti di sosta"? O no?


Cia cia a tutti pure da mia mogliera Concetta e dal mio figlio CiroOOOOOO... a papà...

   By Enzo Novellis/direttore resp. on mercoledì 26 gen 2005 - 19:13: Edit

Toto,
dalle conclusioni del sintetico resoconto nelle News puoi desumere la mia posizione.

Sicuramente lungo il percorso del DDL Fabris ci saranno difficoltà ed interessi che si porranno in opposizione. Ma è innegabile che siamo partiti col piede giusto ed è doveroso darne testimonianza.
A mio parere la consapevolezza delle probabili future difficoltà ci farà stare con i piedi per terra e pronti, ognuno per la sua parte, ad un sostegno significativo ma unitario per impedire che gli avversari sfruttino le divisioni.

Il sostegno tangibile al DDL Fabris attraverso una email al parlamentare locale è sicuramente buona cosa e vedremo nei prossimi giorni di coordinare una iniziativa del genere accoppiandola all'apertura di una apposita sezione del Forum in modo che le azioni siano sinergiche e non dispersive.

Enzo Novellis

   By toto on mercoledì 26 gen 2005 - 18:23: Edit

Ero presente all'incontro di Roma e devo dirvi che lo vedo un pò difficile l'iter di questo Disegno di Legge. Non perchè manchi l'impegno dei senatori promotori o delle associazioni, ma sicuramente i Comuni, le Province e le Regioni nonchè le Comunità Montane vorranno dire la loro in merito e non si uscirà più dal vortice! Penso che dovremmo fare uno sforzo comune nel momento in cui la legge verrà discussa al Senato e alla Camera .... in che modo?
Scrivendo ognuno di noi una email al parlamentare della ns. zona sollecitando un suo intervendo affinchè la legge vada avanti, a prescindere dallo schieramento politico. Secondo me è l'unico modo per far pressione.
Forse sarò pessimista e spero che mi sbagli!
Vorrei sentire anche l'impressione di Novellis in merito.
Cordialità
toto

   By Alessandro Francato on mercoledì 26 gen 2005 - 16:55: Edit

ENZO
mi sono emozionato!!
Alessandro - Padova

   By Morelli Antonio Crescenzo on mercoledì 26 gen 2005 - 12:09: Edit

Si, aspetta, sto scrivendo il pezzo per Turit Magazine. Lo rimetto a Novellis per la pubblicazione.

Bye.

nota del wbm: in Turit News c'è un sintetico resoconto.

   By Jana S. on mercoledì 26 gen 2005 - 11:45: Edit

Qualcuno ha le notizie sul famoso incontro con senatore Fabris di ieri? Ciao, Jana

   By marelli on lunedì 24 gen 2005 - 19:44: Edit

Mi spiegate qual'è quello di sinistra, di centro, di destra? Ho un pò di confusione nella testa. Grazie amici.

   By frank caps on lunedì 24 gen 2005 - 21:39: Edit

X Ivan Perriera: puoi stare certo che, al di là delle elucubrazioni ideologiche noi siamo con te e con chi lavora altrettanto seriamente, sempre.

X Giovanni Armetta: Parole Sante!

X Stefano Milan: Il Buon esempio è sempre da imitare!

qualsiasi cosa va bene per la risoluzione dei problemi che ci assillano...

Forza Ivan,

francesco capaccioni
CamperistiITA

   By Stefano Milan on lunedì 24 gen 2005 - 15:44: Edit

Hey, io non volevo trascinarti in una disputa politica ma, e non avevo dubbi, hai dimostraato che Richelieu era un pivellino al tuo cospetto ( in senso buono)!!!
Tranquillo, si trattavo soltanto di un innocente traboccamento di perfidia, un semplice... pizzicotto verbale!

E' sempre un piacere leggerti.

Ciao

Stefano Milan

   By Ivan Perriera on lunedì 24 gen 2005 - 15:13: Edit

Sarei contento anch'io di saperti rispondere su quale scegliere.
Uno è di sinistra, uno di centro ed uno di destra
ma visto che i nostri politici non riescono a darmi nessuna indicazione, non so proprio cosa dirti.
Anzi, no. So cosa dirti.
Resto nell'Unione Club Amici e faccio il "sindacalista" camperista di sinistra, di centro e di destra.
Speriamo che serva ad avere una maggiore visione dei ns. problemi.
Ivan Perriera

   By Stefano Milan on lunedì 24 gen 2005 - 12:57: Edit

L'esempio è il più produttivo tra tutti gli insegnamenti, ergo... forza IVAN!
Solo per curiosità, ti iscriverai a CGIL, CISL o UIL?

Ciao a tutti

Stefano Milan

   By Giovanni Armetta on lunedì 24 gen 2005 - 08:59: Edit

X Frank Caps: Trovo molta contraddizione in quello che scrivi e trovo anche l'amarezza di chi è stato lasciato fuori. Io conosco Ivan che è una persona molto vicina ai camperisti e molto attenta ai loro problemi, non conosco gli altri che stanno seduti sullo stesso tavolo, ma il fatto di trovarsi lì a spendere il loro tempo sperando di ottenere qualcosa in più per tutti noi mentre tutti noi stiamo o lavorando per i nostri interessi o in giro con i camper o comodamente seduti in poltrona a casa, mi fà a pensare a persone che sicuramente hanno voglia di fare qualcosa in più rispetto ad altri. Fare cartello ma per cosa e per chi? La frammentazione e la confusione, ma l'esistenza di club anche se non aderisce ad associazioni non è già un'ulteriore frammentazione? Se poi questo club, che stà con i riflettori puntati, usufruisce dei risultati ottenuti dalla coalizione non potrà comunque dire " a questo ho contribuito pure io"; se tutto dovesse andare male può sempre dire " visto perchè io non c'ero" e giù la lapidazione per chi c'era. Personalmente continuo a pensare che la cosa che ci accomuna è una passione e se ci lasciamo guidare dalla passione e sappiamo trasmetterla nel modo giusto a chi non c'è l'ha, convincendoli che i camperisti non sono una razza da combattere e da emarginare ma un gruppo di famiglie che hanno solo voglia di conoscere il mondo da molto vicino cogliendone gli aspetti culturali, paesaggistici e storici.

   By Ivan Perriera on lunedì 24 gen 2005 - 00:14: Edit

Io sono un lavoratore NON aderente a nessun sindacato.
Ma quando CGIL, CISL e UIL si siedono attorno al tavolo delle trattative lavorano anche per quelli, come me, che non aderiscono a nessuna organizzazione.
Pur non aderendo, mi sento di dover ringraziare quello che gli altri fanno anche per me, che non sono neppure iscritto.
Nello stesso modo ritengo, a mio avviso, che tutti noi dobbiamo ringraziare le organizzazioni consolidate e riconosciute.
Tutti noi dovremmo, come io dovrei farlo con i sindacati, aderire ad una organizzazione (non importa quale, basta scegliere quella che riteniamo più seria o vicina alle ns. idee) visto che alla fine lavorano per noi e per il bene di tutti i nostri interessi.
Un camperista può decidere di effettuare i propri viaggi da solo ma, sempre secondo me, dovrebbe dare il proprio contributo di idee aderendo ad una associazione.
Ivan

   By frank caps on domenica 23 gen 2005 - 02:51: Edit

x Ivan Perriera:
io personalmente ti appoggio, ti ammiro per il coraggio, la sicurezza in te stesso e la fiducia che hai nei partners, ma non vorrei stare al tuo posto, innanzi tutto perchè non sono altrettanto convinto delle altre sigle, quanto lo sono di te e dell'UCA, che sapranno dare una stabilità e capacità di mediazione (sai a cosa mi riferisco, ma ovviamente mi auguro vivamente che i fatti mi smentiranno!). Di alcune ne so troppo poco per dirne di più, ma la coalizione, o alleanza, comunque nell'unione, è molto più difficile rimanere in equilibrio tra le forze interne, che difendersi dai detrattori ed attaccare le problematiche per raggiungere gli obbiettivi (Berlusconi docet!). Mi piacerebbe un sistema nazionale unitario, riconosciuto da tutti e che sia rappresentativo di tutti (è ovvio che tu sei rappresentativo di coloro che all'UCA sono tesserati, e così via per gli altri, ma tutti coloro che non sono tesserati vuol dire che non vogliono essere da voi rappresentati!) in cui siano presenti due parti: una, che viene eletta di volta in volta periodicamente, l'altra che ha il compito di osservare e controllare che tutto venga fatto effettivamente nel miglior modo possibile, magari possa anche dare un contributo attraverso una critica costruttiva e propositiva. In questo modo ci potrebbe stare un'alternanza e l'attenzione di più "anime" tra coloro che formano l'una e l'altra parte. Tutti potrebbero stare tranquilli che in nessun caso si possa verificare una sorta di "cartello", come spesso si è dubitato da troppi scettici.
Al riguardo, col gruppo CamperistiITA e tutti i camperisti con i quali abbiamo spesso confronti e dibattiti, abbiamo spesso pensato e discusso su una coalizione formata dai massimi rappresentanti delle maggiori organizzazioni nazionali (però la coalizione attuale l'avete decisa voi quattro, anzi tre. Avrei preferito che tale accordo fosse avvenuto in presenza di Beppe Tassone, Libero Cesari, Claudio Galliani, ed altri che tu conosci ancor meglio di me!) con le quali si potesse costituire proprio tale organismo nazionale.
Chiudendo con una battuta: se son rose fioriranno e per quel ci riguarda il CamperistiITA, che NON è, e NON vuol essere, l'ennesima associazione che fa confusione e contribuisce alla frammentazione, continuerà a tenere i riflettori puntati su di voi ed il vostro lavoro, dato che per troppo tempo tutti siamo stati troppo indolenti, lasciando sole le associazioni ad affrontare i mulini a vento.

Ancora in bocca al lupo!

francesco capaccioni
Gruppo CamperistiITA

   By toto on venerdì 21 gen 2005 - 09:29: Edit

Nooo, Enzo. Non mi infastidisce anzi mi rallegra, se leggi bene nel mio precedente post mi auguro che sia la volta buona per una seria cooperazione. L'unione ha dato sempre ottimi risultati ed è questo che tutti i CAMPERISTI si attendono da anni! Se ti puoi adoperare per altri spunti di coesione o di altre iniziative, come effettivamente già fai, a favore di noi poveri camperisti te ne saremo grati. Al sottoscritto, e penso a tutti gli altri, interessa che questa categoria non venga più bistrattata e siamo disposti a segurti anche in capo al mondo per appoggiarti se tu lotti per noi!
Ciao toto

   By Marco Gizzi -Zelo B.P. LO on venerdì 21 gen 2005 - 09:47: Edit

Do la mia disponibilità al sostegno dell'iniziativa fermo restando la NON modifica dell'articolo 185 del codice della strada che secondo me è fondamentale.

MarcoG.

   By Marco Gizzi -Zelo B.P. LO on venerdì 21 gen 2005 - 10:02: Edit

Ah volevo aggiungere che sposo appieno l'accorato appello di Giovanni Armetta.

MarcoG

   By Ivan Perriera on venerdì 21 gen 2005 - 17:08: Edit

Tempo, cari amici, dateci un po' di tempo.
Quello che da tanti di noi è stato sempre auspicato è stato fatto.
Per merito, ci tengo a precisarlo, di tutti e quattro gli attuali responsabili delle Organizzazioni nazionali, si è finalmente COMINCIATO a discutere.
Siamo tutti consapevoli delle enormi aspettative che tutti possiate avere ma non cominciamo a dare addosso all'untore prima che abbia unto.
Nessuno è stato invitato all'incontro di Carrara solo perchè non sapevamo che si potessero creare le condizioni per una decisione così importante. Non bisogna per forza trovare dei motivi reconditi e subdoli in tutto. Siamo sereni e fiduciosi sulle buone intenzioni, almeno su quelle. Personalmente ritengo che tutti possano e debbano dare un contributo ma per potersi organizzare ci vuole del tempo e, soprattutto, tranquillità.
Che piaccia o meno, oggi ci sono 4 grosse organizzazioni nazionali e fra queste stiamo cercando di fare lobby. Quella lobby che rappresenterà tutti noi, lupi solitari, associazioni, Club eccetera.
Non credo ci sia la necessità di creare altre organizzazioni parallele ma c'è bisogno di collaborare.
Personalmente metto a disposizione il mio mandato di Coordinatore Nazionale per tutti coloro che volessero essere protagonisti ed in questo spirito invito alla collaborazione tutti i volenterosi. Oppure, aderite ad una delle quattro per poter essere parte attiva concretamente.
Sembra consolidata l'ipotesi che in Italia ci si attacchi alle poltrone ed anche in questo momento che, a mio avviso, stiamo dimostrando di collaborare vengono fuori una marea di dubbi, perplessità ed incredulità.
Il nostro amico anonimo, con il quale sono d'accordo (se non altro perchè io camperista lo sono rimasto), non dice nulla di sbagliato se non quando evidenzia fra le righe la sua scarsa convinzione che si riesca a portare avanti nel tempo questa nostra collaborazione.
Noi Italiani siamo bravi a scrollare le spalle ed a dire che è tutto inutile. In questo momento stiamo cercando di dimostrare il contrario ma dateci del tempo. Almeno quello che servirebbe anche a voi per poter mettere in moto un volano così importante come quello della coalizione di un settore che storicamente è sempre stato diviso.
Grazie
Ivan Perriera

   By frank caps on venerdì 21 gen 2005 - 01:01: Edit

Non mi reputo niente di più che un camperista consapevole e responsabile, che ha creduto, insieme ad altri amici, di dimostrare di che pasta son fatti i camperisti. Abbiamo fatto una scommessa contro i disillusi, coloro che si sono arresi ed hanno preferito diventare lupi solitari, seguendo il motto "se non mi vogliono me ne vado altrove" ben sapendo che come lupo solitario non avrebbe chance per far valere i propri diritti. Noi abbiamo voluto dare credito alla medesima filosofia delle associazioni che si son volute alleare il 16 Gennaio al TUR.IT.
Certo, per noi semplici camperisti non ci sono stati inviti a partecipare (tranne quello di Rimini, dove per cause di forza maggiore non ho potuto partecipare!), spesso non ci sentiamo neanche granchè graditi come presenza. Nonostante questo, noi camperisti continueremo a fare ciò che crediamo giusto fare: sostenere TUTTE le iniziative che vanno veramente nella direzione di risolvere i problemi dei camperisti. Soluzioni che al momento non mi pare siano ancora state trovate dopo decenni di associazionismo, proprio perchè evidentemente non si era mai creduto fino in fondo che l'unione fa la forza. Tra le tante occasioni di partecipazione per collaborare ci sono stati il TOUR.IT. al quale potevamo portare un piccolo contributo (visto che avevamo già pronto un documento nostro che invece porteremo al Senato il 25 Gennaio) ma, non so perchè, nessuno ci ha invitati. Per la verità sembrerebbe che non siano stati invitati anche alcuni altri camperclubs ed operatori del settore, ma non si può pretendere la perfezione.
Ci sarà il convegno del 25 Gennaio p.v. al quale saremo presenti solo perchè il Sen. Fabris, personalmente, ci ha invitato.
Ma non molliamo, perchè tutte le persone che hanno creduto e credono nella società civile, nella democrazia, nelle istituzioni, nella possibilità di affrontare e risolvere i vecchi e i nuovi problemi attraverso le organizzazioni e le associazioni espressamente costituite, come ci crediamo noi, vogliono poter continuare a crederci, con la convinzione che chi ci vuol rappresentare abbia orecchi per ascoltarci ed accoglierci e non sbarrarci la strada come fanno già troppi sindaci!
Il fatto che le organizzazioni nazionali si siano coalizzate, è giunta come una piacevole sorpresa. Finalmente!
Ci aspettiamo di vedere dei risultati degni di cotanta attesa, per smentire chi alberga dubbi sulla solidità dell'unione di questa coalizione. Personalmente ho fatto subito le congratulazioni alle sigle che hanno dimostrato quanto fosse possibile ciò che non è stato mai fatto in tutta la storia dell'associazionismo italiano nel turismo itinerante. Si poteva fare!
Personalmente vi dico subito che ho seguito bene i lavori abbozzati in questo periodo da alcune sigle. Tra tutto ciò che ho avuto modo di vedere, l'unica proposta valida, seria ed intelligente è stata quella del Sig. Ivan Perriera (UCA) in merito all'art.185. Un'altra cosa che ritengo personalmente molto valida, sempre farina del medesimo sacco, è l'iniziativa "Il Comune Amico dei Camperisti".
Gli faccio i miei complimenti, da parte di tutto il gruppo CamperistiITA, e gli auguri di un buon lavoro.
Da parte nostra saremo sempre attenti osservatori di quanto la coalizione di queste organizzazioni nazionali sapranno fare e contribuiremo come sempre nell'opera di sensibilizzazione, riflessione, facendogli da sponda anche per dare loro qualche spunto che, anche attraverso i forums che noi frequentiamo, potrebbe essergli utile nel cammino "insieme".

Cordialmente,
Francesco Capaccioni

   By toto on giovedì 20 gen 2005 - 21:48: Edit

Carissimo Enzo, dal resoconto del "camperista anonimo" si evince che hanno anche discusso del Disegno di Legge Fabris, leggo testualmente: "Sicuramente ciò che ho esposto è un esempio e come tale non vuole essere in alcun modo una lezione per gli amici che hanno sottoscritto l’intesa di cui si parla: certamente, avendo una visione ad un livello molto più alto del mio, avranno convenuto che l’accordo sia il massimo proponibile nel convegno del 25 gennaio organizzato dal Senatore Fabris etc.". Siccome non hai aggiunto nessuna nota a quel post non vedo perchè solo adesso fai la precisazione! Quel pomeriggio del 4/9 c'ero anch'io, come semplice spettatore, in quanto si svolgeva vicino casa, mi dispiace non averti visto.
Cordialità
toto


nota del wbm: il "camperista anonimo" non era presente a Carrara. Pertanto il suo intervento non è un resoconto ma una riflessione che prende spunto dal comunicato stampa congiunto delle 4 associazioni.
Sembra che l'accordo fra le associazioni, per il quale mi sono adoperato personalmente e con convinzione, ti infastidisca. Me ne dispiace.

   By Onofrio Saulle on giovedì 20 gen 2005 - 21:58: Edit

Sottoscrivo volentieri la proposta dell'amico
"vecchio campeggiatore" e sono altrettanto
convinto che l'unione fa la forza ma se lo scotto
della ricerca dell'unione a tutti i costi sarà il
solito pastrocchio che come dice l'amico
"qualsiasi regolamentazione venisse promulgata
dovrebbe far riferimento a parametri o troppo
specifici che alla fine non potrebbero essere
concretamente realizzati, o talmente poco
definiti che la loro realizzazione potrebbe
essere ostacolata per un qualsiasi cavillo dal
primo Sindaco di turno" saremmo punto e a capo.
Meglio poche cose e ben chiare che tanta
confusione e libertà di interpretazione.
Capisco che qualcuno possa dire "meglio poco che
niente" oppure "iniziamo da queste poche cose
(ovvero briciole di fumosità) poi si vedrà"
sbagliero, ma questi "pensieri" non mi
convincono per niente.
Onofrio

   By Giovanni Armetta on giovedì 20 gen 2005 - 23:17: Edit

E' la prima volta che apprezzo un'intervento anonimo oltre che per quanto scritto soprattutto perchè in questa persona non c'è smania di protagonismo. Ciò assieme al fatto che, finalmente, le quattro associazioni che ci rappresentano si sono seduti attorno allo stesso tavolo per discutere una linea comune di condotta che denota la volontà di potere risolvere una parte dei nostri problemi. Vorrei solo dire ai Signori che ci rappresentano e che noi direttamente o indirettamente abbiamo eletto per rappresentarci, di non perdere di vista il motivo dell'esistenza delle associazioni e di ricordarsi che loro rappresentano un gruppo di persone accomunate da una passione e non da interessi economici o ideologie politiche e che il nostro solo interesse è quello di stare all'aria aperta, incontrarci, confrontarci e perchè no divertirci sia durante che dopo. Non è importante dire che questa o quell'altra associazione è migliore solo perchè ha più soci, è importante la qualità del lavoro svolto che poi si sappia o no è secondario. Quindi ringrazio l'anonimo amico oltre che per le idee soprattutto per il messaggio che ha lanciato.

   By toto on giovedì 20 gen 2005 - 18:33: Edit

C'è un Disegno di legge dei senatori Fabris e Dentamaro che deve essere discusso fra qualche mese e già in molti stanno dando il loro contributo, quindi quello che è successo a Carrara è stato solo un parlare di questo disegno di legge, nessun documento ufficiale.
Sono mesi che molti camperisti, Frank Caps, Morelli, Costa etc., sostengono questo disegno di legge con email ai senatori della Commissione, a Case Costruttrici e scrivendo su siti di settore. Lo stesso Novellis dice in un suo post" Il nostro settore purtroppo è caratterizzato da una scarsa convergenza sulle iniziative da mettere in campo [......]. La frammentazione della rappresentanza fra 3 o 4 associazioni nazionali che mancano di qualsiasi sintonia e quasi mai convergono concretamente su obiettivi comuni credo sia la causa principale di questo disastro per cui i camperisti nella pratica non hanno una voce unica che li rappresenti e come tali sono deboli e con scarsissimo potere contrattuale." Parole sante, ma non vi sembra strano questa loro coesione dell'ultima ora? Perchè hanno scelto Carrara come cassa di risonanza?
Io come Camperista spero che sia la volta buona ..... staremo a vedere.
Cordialità
toto


nota del wbm: mi permetto solo di precisare, essendo stato testimone diretto, che a Carrara non si è parlato del DDL Fabris e che l'accordo fra le associazioni in verità è scaturito dal convegno "Fare sistema nei piccoli centri", di cui ho pubblicato il resoconto nelle notizie in diretta dalla fiera.
Quanto al sostegno al DDL Fabris ed ai contributi concreti che ha ricevuto bisognerebbe documentarsi meglio per non generare notizie false o distorte. Nessuno dei soggetti sopra elencati era presente al convegno di Telese di questa estate, che pure era un evento importante per lo scopo. Nè ho notizia di movimenti di sostegno in tempi anteriori quando il testo del DDL è stato studiato e messo a punto.
Il mio rincrescimento per la frammentazione delle associazioni ha trovato nell'accordo di Carrara una speranza che spero proprio possa portare buoni frutti.

   By Paolo Ruggieri on giovedì 20 gen 2005 - 20:11: Edit

La proposta dell'"anonimo" vecchio campeggiatore, mi sembra pienamente condivisibile. Anche io sono pronto a sottoscriverla.
Saluti a tutti. Paolo R.

   By Massimo Tiberia on giovedì 20 gen 2005 - 18:00: Edit

Per wbm: anche io come gli altri approvo ciò di cui ci ha portato a conoscenza e sarei disposto a sottoscrivere il saggio contributo scritto da "un vecchio campeggiatore".

Massimo

   By Alessandro Francato on giovedì 20 gen 2005 - 17:33: Edit

Trovo molto valida e pertinente la proposta di questo amico campeggiatore che vuole rimanere anonimo e condivido molto quanto dice.
Naturalmente non sarà cosa facile far recepire quanto scritto anche se molto pertinente.
L'importante è che si sia aperto un dialogo tra queste assocciazioni e che, cosa più importante, facciano tesoro di quanto dicono i diretti interessati.
Coraggio, se son rose fioriranno.
Alessandro - Padova

   By Jana S. on giovedì 20 gen 2005 - 13:16: Edit

Per wbm: Se si puo sottoscrivere questa proposta, prego di inserire la firma mia, di tutti i miei parenti e antenati fino alla terza generazione. MA come si puo portare alla conoscenza delle associazioni questa proposta e sapere, cosa ne pensano? sempre che anche altri la pensano in proposito come me.
Salutoni Jana

   By Enzo Novellis/direttore resp. on giovedì 20 gen 2005 - 13:01: Edit

Ricevo e volentieri pubblico il seguente contributo il cui autore mi ha chiesto di non comparire:

Con somma soddisfazione ho appreso dai comunicati stampa che a Carrara, in occasione di TOUR.it, si è raggiunta un’intesa fra le quattro maggiori sigle nazionali rappresentanti il movimento turistico all’aria aperta, in particolare per i problemi connessi al turismo praticato con le caravan e le autocaravan.
Se da un lato mi riempie di gioia essere stato smentito ad appena due mesi da una mia affermazione tra amici che definiva utopistico il mio sogno di vedere realizzata una collaborazione fra tutte le forze che rappresentano i campeggiatori italiani nei confronti delle istituzioni nazionali e locali, dall’altra nutro forte perplessità che si possa concretamente continuare su questa strada e raggiungere dei risultati concreti.
Fra le righe del comunicato congiunto mi è sembrato di vedere già delle prese di posizione fra le componenti stesse: si proporranno tre possibili soluzioni alla sosta dei nostri veicoli chiedendo che le istituzioni determinino per legge quali soluzioni adottare “ a seconda del contesto specifico morfologico ed economico”.
E’ un percorso che potrebbe non produrre mai risultati soddisfacenti e concreti perché qualsiasi regolamentazione venisse promulgata dovrebbe far riferimento a parametri o troppo specifici che alla fine non potrebbero essere concretamente realizzati, o talmente poco definiti che la loro realizzazione potrebbe essere ostacolata per un qualsiasi cavillo dal primo Sindaco di turno.
Sappiamo tutti che purtroppo le nostre leggi vengono emanate oggi e domani subito impugnate perché poco comprensibili o male formulate in quanto frutto di mediazioni e aggiustamenti.
Sarebbe forse sufficiente far inserire nel codice della strada una definizione chiara e precisa che non desse adito a mille interpretazioni da parte dei sindaci e delle forze di polizia sul concetto di sosta – campeggio – inquinamento e la definizione delle parole “caravan e autocaravan” in modo che nessuno possa porre divieti di sosta per motivi di igiene pubblica (anche i pullman turistici hanno servizi igienici interni) o per intralcio al traffico (in questo caso anche i furgoni commerciali – delle stesse misure d’ingombro dei camper – dovrebbero essere inclusi in tali divieti).
Sono a conoscenza, come sicuramente meglio di me ne sarete informati anche voi, di multe comminate da vigili urbani perché il proprietario di un camper avendo le tende alle finestre si presupponeva che all’interno stesse dormendo e di conseguenza stesse campeggiando.
Similarmente si dovrebbe elevare la contravvenzione al rappresentante di commercio che dopo aver pranzato si appisola all’interno della propria auto parcheggiata all’ombra di un albero.
Se una famigliola parcheggia ai lati di un prato e si sdraia sopra lo stesso magari apparecchiando con un tavolo e sedie da picnic non viene sanzionata perché non sta campeggiando, ma se al posto dell’auto c’è nello stesso posto un camper è facile che la multa si aggiri intorno ai 200 euro.
Sono pochi esempi di come la vita di un camperista o di un caravanista non è determinata dalla possibilità di avere degli stalli ben definiti in aree specifiche o attrezzate in maniera multifunzionale da poter accogliere, in caso di necessità, gli elicotteri della protezione civile, oppure ospitare le bancarelle per la sagra del paese e non essere in qualche modo emarginati o, peggio, ghettizzati.
Sarebbe sicuramente più semplice e funzionale chiedere “ad una sola voce” il rispetto di pochi principi basilari che non diano adito a nessuno di fare eccezioni, ne’ da parte di noi amanti del vivere all’aria aperta ne’ da parte degli amministratori pubblici e delle forze dell’ordine incaricate di interpretare e far rispettare le norme emanate.
Sarebbe forse sufficiente formulare 2 o tre norme nel codice della strada:
- le caravan sono rimorchi ad uso abitativo equiparati a qualsiasi altro rimorchio di pari massa complessiva a pieno carico consentito e non possono essere oggetto di limitazioni specifiche se non rientranti nella categoria dei rimorchi in genere.
- Le autocaravan sono veicoli equiparati a qualsiasi altro veicolo di pari massa complessiva a pieno carico consentito e non possono essere oggetto di limitazioni specifiche se non rientranti nella categoria dei veicoli in genere.
- I parcheggi per autoveicoli, pubblici o privati, non possono essere delimitati da sbarre che ne limitino l’accesso in base all’altezza del veicolo. Nei parcheggi pubblici e privati devono essere obbligatoriamente predisposti stalli per veicoli di ingombro superiore alla media (mt.??) caravan, autocaravan, fuoristrada, furgoni, pullman nella percentuale del 2-3-4% con pedaggio doppio di quello previsto per le auto di media grandezza (mt??).
- Obbligare ogni comune a dotarsi almeno di un camper-service minimo in area periferica formato da una griglia carrabile collegata ad un impianto fognario, una fontana per il rifornimento idrico ed un contenitore per i rifiuti solidi ( i costi sarebbero irrisosi) ma ben segnalato lungo le maggiori direttrici di penetrazione.
Prevedere per gli inadempienti, sia campeggiatori che amministrazioni comunali, delle sanzioni. (E non come la norma che obbliga le stazioni di servizio di ampiezza superiore ai 10.000 mq di predisporre i camper-service, ma non prevede per gli inadempienti alcuna sanzione).
Sicuramente ciò che ho esposto è un esempio e come tale non vuole essere in alcun modo una lezione per gli amici che hanno sottoscritto l’intesa di cui si parla: certamente, avendo una visione ad un livello molto più alto del mio, avranno convenuto che l’accordo sia il massimo proponibile nel convegno del 25 gennaio organizzato dal Senatore Fabris, ma se ciò che ho esposto potrà essere in qualche modo oggetto di riflessione da parte loro per eventuali azioni comuni, ne sarei oltremodo felice come lo sono per l’accordo di cui si parla.
Ringrazio sentitamente chi ha avuto la compiacenza di leggere fin qui.

Un vecchio campeggiatore che si firma nei confronti del direttore, ma che preferisce rimanere nell’anonimato in quanto non crede che siano importanti i nomi, ma siano molto più importanti le idee.

   By Monica e Pietro - Bologna on giovedì 20 gen 2005 - 12:15: Edit

Anche io ho avuto lo stesso pensiero di Jana, volevo aspettare per vedere se qualcuno interveniva, prima di rischiare di suscitare un polverone.

Certo che mi sembra, di primo acchito, positivo il fatto che se non altro si provi (per la prima volta) a fare qualcosa di unitario che si spera possa avere un po' più di peso nei confronti delle amministrazioni locali.

Sul punto 2.2.........diciamo che se questo non "cancella" l'art.185 del Cds, allora mi sembra più che positivo.
Mi spiego, se io arrivo in un paese e trovo un camping municipale "alla francese" che mi chiede 10/15 euro per la notte, mi va benissimo.
Mi va meno bene se devo entrare nel camping per forza, anche se arrivo a mezzanotte e riparto alle 6 (perchè è una sosta "tecnica") o se intendo fermarmi solo la mattina per visitare il paese in questione.

Questo mi sembra un concetto chiaro da puntualizzare, poi, vediamo cosa ne esce.........

ciao

Monica

   By Jana S. on giovedì 20 gen 2005 - 11:26: Edit

Quando ho visto su home page articolo sul evento epocale a Carrara, volevo intervenire, ma non stavo bene, e ho rimandato. Ieri quando wbm l’ha pubblicato, ho iniziato scrivere la mia opinione, ma poi ho pensato aspettare altri pareri, se hanno le stesse perplessità mie o no. Credevo, che le proposte suscitano un vespaio, tipo gradino si gradino no, visto, che argomento è ben piu importante di un gradino. Invece pare, che argomento non interessa. Siamo qua a mangiarci la faccia per comuni ostili, se e perche e per come ci vogliono o no, se ci devono volere o possono non volerci, come e dove ci devono far stare o no, e poi quando c’e una proposta concreta, gelo assoluto....
Io personalmente sono rimasta un po perplessa dal punto 2.2 che dice:
“2.2) Aree di sosta attrezzate e delimitate con stalli di sosta adeguati e riservati alla sosta di caravan ed autocaravan. La sosta si intende con occupazione di spazio esterno al veicolo ed a tempo indeterminato, salvo regolamenti comunali, quali campeggi municipale privati e/o pubblici dotati di infrastrutture minimali”
Insomma, non capisco bene questi campeggi, obligatorietà di andarci dentro, se arrivo di notte, che faccio, se obligatorio andarci solo se sosto oltre un certo tempo max ecct.... mi pare un po limitativo come soluzione unica per un vr in certi comuni. Pero pare, che per questo forum va bene cosi e non abbiamo nulla da aggiungere o cercare di modificare.
Saluti Jana

   By Enzo Novellis/direttore resp. on mercoledì 19 gen 2005 - 12:57: Edit

Nelle News in diretta dalla fiera TOUR.it di Carrara (vedi home page di Turismo Itinerante) è stato dato ampio risalto alla notizia dello storico accordo fra le 4 associazioni nazionali.

In questo Forum spesso ci sono stati interventi molto critici nei confronti delle Associazioni.
D'altra parte è innegabile che la frammentazione e la incapacità di procedere in sintonia abbia indebolito finora ogni loro iniziativa.

E' innegabile l'importanza dell'accordo ed è auspicabile che tutti contribuiscano al suo rafforzamento per affrontare con rinnovato entusiasmo e grande determinazione i problemi del settore.
Riporto di seguito i punti essenziale dell'accordo raggiunto invitandovi a discuterne per analizzare l'intesa e, se possibile, contribuire ad individuare nuovi stimoli per un associazionismo veramente rappresentativo di tutti gli utenti.

dal Comunicato Stampa del 16/01/05:
... Le 4 Organizzazioni, rappresentative dei campeggiatori / camperisti a livello nazionale, hanno concordato di unificare le proprie strategie su alcuni comuni obiettivi quali, ad esempio: aree di sosta, iniziative per la riscoperta e rilancio dei centri minori italiani, sicurezza del campeggiatore, iniziative utili al consolidamento e rilancio del settore.
A sottolineare l’importanza dell’incontro, tutti e quattro i responsabili delle organizzazioni (Gianni Picilli, Vincenzo Niciarelli, Ivan Perriera, Camillo Musso) sono intervenuti personalmente, sottolineando due importanti obiettivi primari:

1) alla Conferenza / convegno indetta dal Senatore Mauro Fabris al Senato della Repubblica del 25 gennaio 2005 sarà presentata una mozione condivisa per una migliore riuscita del Disegno di Legge.

2) Dopo aver analizzato le tematiche inerenti l’accoglienza per le famiglie in caravan ed autocaravan nei Comuni Italiani, è stata elaborata con l’UNPLI una piattaforma tecnica condivisa per la progettazione di strutture ricettive. In sintesi, di sottoporre all’attenzione degli Amministratori Pubblici e delle Autorità Istituzionali la promozione e sviluppo del turismo, della cultura, adottando, a seconda del contesto specifico morfologico ed economico, una delle seguenti soluzioni:

2.1) Parcheggi specifici delimitati oppure inseriti nel contesto di un parcheggio pre-esistente con stalli di sosta adeguati e riservati alla sosta di caravan ed autocaravan.

2.2) Aree di sosta attrezzate e delimitate con stalli di sosta adeguati e riservati alla sosta di caravan ed autocaravan. La sosta si intende con occupazione di spazio esterno al veicolo ed a tempo indeterminato, salvo regolamenti comunali, quali campeggi municipale privati e/o pubblici dotati di infrastrutture minimali.

2.3) Aree Attrezzate Multifunzionali idonee ad ospitare la sosta dei veicoli ed altre attività culturali, turistiche ed economiche.

   By Massimo Tiberia on mercoledì 01 dic 2004 - 12:11: Edit

Ciao ma relli benvenuto in questo mondo di sognatori.

Ciao Massimo

   By ma relli on martedì 30 nov 2004 - 16:22: Edit

Salve a tutti,
sono un nuovo campeggiatore. Dopo alcune esperienze, ho deciso di comprarmi un camper usato....e via, si parte.
Non sono molto pratico di internet e tantomeno dei "forum", comunque ho deciso di provare a scrivere e integrarmi con gli amici camperisti.
Spero che comprenderete le mie iniziali difficoltà a seguirvi.
Vorrei porre subito una domanda riguardo ai club: ho visitato il sito del "coordinamento camperisti" e gradirei sapere un vostro giudizio sulla sua attività e magari opportunità di farne parte.
Grazie a tutti.

marelli

   By Paolo Ruggieri on lunedì 15 nov 2004 - 18:40: Edit

Onofrio, io posso stare anche da parte, tanto come ben sai Jana non ha certamente bisogno del mio aiuto.
Ciao al prossimo incontro e saluti alla metà.
Paolo R.

   By Stefano Milan on lunedì 15 nov 2004 - 15:43: Edit

Mannaggia che palle...
ed io che avevo già destinato il tanto pubblicizzato risparmio tasse del 2005 per la sostituzione del camper!

Ora che ho capito, so che l'anno prossimo non solo non cambierò il camper, come la maggior parte dei miei compagni di fascia di reddito ma dovrò pure eliminare qualche uscita per provvedere a pagare con una colletta il rifacimento del tetto della scuola elementare dei miei figli (non è una battuta).
Sono certo invece che molti di quelli che già prima lo potevano cambiare con una certa "facilità", eh già, per loro sarà ancora più semplice!

Ciao a tutti

Stefano Milan

   By Jana S. on lunedì 15 nov 2004 - 15:06: Edit

Faccio copia/incolla:
Jana!! Ma te le cerchi!!!
Ghandi? Che centra? Ah!! Già! io non capisco!!

APPUNTO ONOFRIO..... hai vinto una bambolina, due leccalecca e un portachiavi della CGIL!
Salutoni Jana

   By Onofrio Saulle on lunedì 15 nov 2004 - 13:14: Edit

Jana!! Ma te le cerchi!!!
Ghandi? Che centra? Ah!! Già! io non capisco!!


X Luigi
Ma perchè ti affanni!! Jana che vuoi appena sente odor
di "rosso" gli si drizzano i peli.... ops! volevo dire la
peluria come i gatti e non sà nemmeno cosa distingue
i "comunisti" del regime in cui ha vissuto da
quelli che nei giorni dell'invasione, a Praga e in Italia,
scendevano in piazza per protestare contro
quell'invasione ..... ma poi a quella gente chi gliel' ha
chiesto???
Vabbè cambio discussione ovvero fuss che avimm
fanne una intitolata "anche i camperisti piangono"

Dai Jana arrabbiati un po'!! Paolo stai da parte!
Altrimenti.... il voto non te lo do!!

Onofrio

   By Jana S. on domenica 14 nov 2004 - 22:29: Edit

Infatti Paolo, non ho risposto....
Loro hanno sempre saputo e se ne visto risultato! In barba a Gandhi.... Ciao Paoloneeeeee!

   By Paolo Ruggieri on venerdì 12 nov 2004 - 18:31: Edit

Jana concordo.
Però tu non dovevi rispondere. Loro già sanno!!!!
Ciao a presto. Paolo R.

   By Jana S. on venerdì 12 nov 2004 - 09:38: Edit

Per Luigi:
Se il Kapo è paranoico, comunque vedo che sta in buona compagnia....
byebye!!! jana

   By Luigi e Marzia on venerdì 12 nov 2004 - 01:36: Edit

Causa stop del computer leggo ora gli ultimi post.
Jana vorrei risponderti ma l'argomento è sbagliato in questa sezione, a dire il vero è sbagliato in ogni sezione.......Enzo che famo?
Comunque una domandina la voglio fare a Jana: visto l'esito della "Finanziaria", messa su di notte con solo i capigruppo...mi ricorda tanto un periodaccio della storia italiana...., sei ancora del parere che questo governo pensi davvero a noi peones?
Prendi la calcolatrice e fai il conto di cosa pagherai di IRPEF a partire dal 1-1-2006 con le nuove famose 3 aliquote.
Non rispondermi, conosco già cosa vorrai dirmi, quello che senti da Mediaset e cioè che la colpa è dei comunisti.....ma esistono ancora o il Kapo è paranoico oltre che megalomane e egocentrico?
Un caro saluto.
Luigi

-->

Administrator's Control Panel -- Board Moderators Only
Administer Page | Delete Conversation | Close Conversation | Move Conversation

Argomenti   Nuovi messaggi   Ultimo giorno   Ultima settimana   Cerca   Vista ad albero   Per iniziare Problemi?   Profilo Utente   Contatta Moderatori   Program Credits

Cerca sul sito
Aggiornamenti
Come Eravamo
Tazebao


© 2003 by Tur.It srl